Diossina: per saperne di più

Di fronte all’emergenza degli alimenti contaminati alla diossina che è dilagata in Germania, noi del Forno Battistini, in base ai dati relativi alla tracciabilità e delle verifiche eseguite sui nostri fornitori, possiamo dichiarare che le materie prime utilizzate per la nostra produzione non sono di importazione tedesca, non sono coinvolte nell’allerta ma soprattutto sono monitorate attraverso verifiche analitiche periodiche (limiti di diossina e PCB diossina simili previsti dal Regolamento 1881/2006/CE).

Ma è interessante capire cosa sono le diossine.

Le diossine costituiscono un gruppo di prodotti chimici il cui nome scientifico è “composti aromatici policlorati”; hanno struttura, proprietà fisiche e chimiche analoghe. Non si tratta di composti creati volutamente, le diossine si formano in seguito a processi chimici: fenomeni naturali (come eruzioni vulcaniche, incendi boschivi) o di origine umana (fabbricazione di prodotti chimici, pesticidi, acciaio, pitture, emissioni di gas di scarico e inceneritori…). Per questo le diossine non possono essere “proibite”: sono un sottoprodotto indesiderato dell’attività industriale. Alcuni tra gli appartenenti a un altro gruppo di prodotti chimici, i PCB (policlorobifenili), sintetizzati per uso industriale, presentano rischi per la salute simili a quelli provocati dalle diossine. Il loro uso è stato molto ristretto per legge, ma sono ancora presenti come inquinanti.

Le diossine si trovano nell’atmosfera, nell’acqua e nel suolo, in alcuni alimenti. L’uomo può essere esposto alle diossine lavorando in settori industriali nei quali queste sostanze rappresentano dei sotto-prodotti, oppure per eventi accidentali sempre legati all’industria, o tramite prodotti alimentari di origine animale; nell’insieme, il contatto cutaneo e l’inalazione rappresentano vie di esposizione molto limitate. L’assorbimento principale avviene attraverso gli alimenti contaminati. Le diossine infatti non sono solubili nell’acqua, ma sono molto solubili nei grassi. Di conseguenza si legano ai sedimenti e ai materiali organici nell’ambiente e vengono assorbite dai tessuti grassi umani e animali. Inoltre non sono biodegradabili, per cui possono accumularsi nella catena alimentare.

E come entrano le diossine nella catena alimentare?

Le diossine possono entrare nell’alimentazione attraverso diverse vie. La contaminazione dell’ambiente è causata principalmente dal trasporto nell’atmosfera e dalla ricaduta al suolo di emissioni provenienti da fonti diverse (incenerimento di rifiuti, industrie chimiche, traffico e via dicendo). Fonti di inquinamento particolari possono creare aree localizzate dove la contaminazione è maggiore.

Il suolo costituisce un luogo di accumulo naturale: oltre alle ricadute atmosferiche, le diossine possono accumularsi a causa di fanghi di depurazione, discariche non controllate, erosione da zone contaminate. Il trasporto atmosferico e la ricaduta sono la principale fonte di inquinamento di verdure a foglia, di pascoli e di foraggio. Le foglie sono poi consumate direttamente dagli animali al pascolo o conservate per produrre fieno o insilati (alimenti per bestiame conservati in appositi silos). L’utilizzo di fanghi come concimanti può in alcuni casi aumentare l’esposizione alla diossina degli animali. Le diossine si concentrano nei tessuti grassi di bovini, ovini, suini, pollame e frutti di mare. In linea di massima, più è lunga la durata di vita dell’animale, più è facile che le diossine si accumulino nel suo organismo.

Quali sono gli alimenti più a rischio?

In generale, gli alimenti di origine animale contribuiscono tutti insieme all’80% dell’esposizione umana globale alle diossine. La contaminazione può variare molto a seconda dell’origine degli alimenti. La carne, le uova, il latte e derivati, il pesce di allevamento possono avere livelli di diossina superiori a causa della diossina presente nei mangimi.

La dose di diossina assorbita individualmente varia molto a seconda del tipo di alimentazione seguito. Per esempio una dieta incentrata su un solo tipo di cibo proveniente da zone molto inquinate (come il pesce del Baltico) comporterà un esposizione maggiore di una dieta ricca di cibi di origine vegetale e in generale molto variata.

(informazioni raccolte on-line e basate su un documento della Commissione europea)

On febbraio 2nd, 2011, posted in: La Salute a tavola by
No Responses to “Diossina: per saperne di più”
Lascia un Commento